Scoperta mummia all’interno di una statua di Budda di mille anni

L’universo è pieno di misteri che sfidano le nostre conoscenze. Nella sezione ‘Ai confini della realtà: Viaggio nei misteri della Scienza’ Epoch Times raccoglie storie che riguardano questi strani fenomeni per stimolare l’immaginazione e aprire possibilità ignote. Se siano vere o no, sei tu a deciderlo.

La Tac e l’endoscopia fatta su una statua di Budda risalente all’XI o XII secolo hanno rivelato che conteneva dei resti mummificati del maestro buddista Liuquan. Secondo alcune tradizioni buddiste il suo corpo non dovrebbe essere intaccato dalla normale decomposizione poiché ha raggiunto uno stato superiore dell’essere.

Gli esami sono stati condotti al Meander Medical Centre di Amersfoort alla fine dell’anno, dal Drents Museum, dove la statua era esposta. Al posto di alcuni degli organi interni, i ricercatori hanno trovato fogli di carta con antiche scritte cinesi, in mezzo ad altri materiali putrefatti.

(Per concessione del museo di Drents)

La scoperta è unica. In Oriente gli antichi monaci intraprendevano un processo di auto mummificazione, che li lasciava in una posizione di meditazione. Queste mummie erano trattate con molto rispetto e si credeva che i monaci non morissero, ma che fossero invece in uno stato di profonda meditazione. Trovare una mummia del genere all’interno di una statua situata in Occidente, come in questo caso, e poterla studiare con moderne tecnologie, è una cosa insolita. Sono stati anche presi dei campioni di dna.

La statua è ora esposta al Museo Nazionale di Storia naturale di Budapest, dove rimarrà fino a maggio 2015, quando sarà trasferita al museo di Lussemburgo.

(Per concessione del museo di Drents)

Articolo in inglese: ‘Mummy Found Inside 1,000-Year-Old Buddha Statue

 
Articoli correlati